Salta al contenuto

Utenti accreditati

chiudi il menù

Porti: Cdm riforma l'ordinamento - Dettaglio News

Dettaglio News

Porti: Cdm riforma l'ordinamento

Porti: Cdm riforma l'ordinamento

"Il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge che riforma l'ordinamento dei porti italiani", ha annunciato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli. "Si tratta di una riforma - ha spiegato il ministro - a cui abbiamo lavorato in collaborazione e con il supporto del Parlamento, che punta a modernizzare l'attività, il ruolo e l'efficienza dei porti. Sono cinque - ha proseguito Matteoli - i pilastri del ddl, tra cui la ridefinizione del ruolo delle Autorità portuali, del processo della loro governance e la previsione di funzioni tipicamente manageriali dei loro presidenti".
Grande attenzione viene riservata al rapporto tra porto e territorio, tra porto e reti di accesso e quindi alle problematiche legate all'ultimo miglio. Al centro del disegno di legge anche il rispetto ai provvedimenti di semplificazione e alla razionalizzazione dei procedimenti di approvazione dei piani regolatori generali dei porti per il rilascio delle concessioni ai privati e di sdemanializzazione e per facilitare il dragaggio dei fondali.
L'atto prevede, inoltre, norme per stabilizzare il lavoro portuale e un riferimento, attraverso un fondo per le infrastrutture già in vigore, per il rilancio degli investimenti nel comparto. "Auspico - ha concluso Matteoli - che la Conferenza Stato-Regioni lo esamini rapidamente e che il Parlamento lo discuta altrettanto celermente". Nel ddl è stata aggiunta una norma, concordata con il ministro del Turismo Michela Brambilla, per la realizzazione di nuovi pontili per la nautica da diporto, che consentirà l'aumento del numero dei posti barca.

(fonte: ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti)